Loading...
Home 2017-11-16T11:16:11+00:00

NEWS

TUTTE LE NEWS

La parola che dà il titolo a questa mostra può riferirsi sia alla “rotazione di un corpo celeste attorno a un altro corpo” che a “un ribaltamento profondo e radicale di un sistema”, eppure entrambi i significati si adattano perfettamente alla figura di Galileo. L’uomo e Dio, la Terra e il cielo: dopo di lui, niente fu più come prima. Genio multiforme e poliedrico, è impossibile raccontare la sua vita da un solo punto di vista.

Per questo la mostra, curata da Giovanni Carlo Federico Villa e Stefan Weppelmann, accompagna lo spettatore in un percorso sorprendente che va a toccare arte, musica, scienza, filosofia e letteratura: tele, illustrazioni e sculture fanno mostra di sé accanto ad antichi testi o a strumenti scientifici, come i primi cannocchiali, che resero possibili scoperte che hanno stravolto il nostro modo di percepire noi stessi e il mondo in cui viviamo.

Un viaggio fantastico, intorno a un genio che, con le sue rivelazioni, ha letteralmente (ri)creato il cielo. Un percorso lungo sette secoli d’arte che va da Guercino ad Anish Kapoor, dalle visioni di Leonardo da Vinci a quelle di Jules Verne, Doré o Georges Méliès fino alle foto della NASA o di Andreas Gursky.